A PHP Error was encountered

Severity: Notice

Message: Only variable references should be returned by reference

Filename: core/Common.php

Line Number: 272

A PHP Error was encountered

Severity: Warning

Message: session_start(): Cannot send session cookie - headers already sent by (output started at /home/reteloca/public_html/vespaclubvigevano.it/system/codeigniter/core/Exceptions.php:183)

Filename: hooks/pick_language.php

Line Number: 31

A PHP Error was encountered

Severity: Warning

Message: session_start(): Cannot send session cache limiter - headers already sent (output started at /home/reteloca/public_html/vespaclubvigevano.it/system/codeigniter/core/Exceptions.php:183)

Filename: hooks/pick_language.php

Line Number: 31

A PHP Error was encountered

Severity: Warning

Message: Cannot modify header information - headers already sent by (output started at /home/reteloca/public_html/vespaclubvigevano.it/system/codeigniter/core/Exceptions.php:183)

Filename: drivers/Session_cookie.php

Line Number: 688

A PHP Error was encountered

Severity: Warning

Message: Cannot modify header information - headers already sent by (output started at /home/reteloca/public_html/vespaclubvigevano.it/system/codeigniter/core/Exceptions.php:183)

Filename: drivers/Session_cookie.php

Line Number: 688

Moto Club Vespa Club Vigevano Lomellina<br>'Rane Vagabonde'<br>Associazione Sportiva Dilettantistica-18 luglio Visita al Birrificio Poretti | Notizie

Vespa Club "Rane Vagabonde" Vigevano

Ranae vagantes liberis paludibus clamore magno regem petiere ab Iove

In primo piano:
Sono ripartite le iscrizioni al Vespa Club d'Italia.
Compilate il modulo in "ISCRIZIONE ONLINE" qui sotto
Prossimo evento:
Domenica 4 giugno raduno a Castellazzo Bormida.
Partenza ore 9 da Vigevano, 9.15 dal Bennet di Mortara e 9.30 da Torreberetti.

18 luglio Visita al Birrificio Poretti

Pubblicato 19-07-2015
Categoria viaggi

Foto
Bene, basandosi su questa premessa, abbiamo deciso di organizzare una visita guidata in Valganna presso il Birrificio Poretti (anche se ora il marchio è di proprietà di Carlsberg).
Sabato ci siamo perciò ritrovati abbastanza presto rispetto ai nostri canoni, ma, d’altronde, era previsto che si dovesse raggiungere Induno Olona attraversando Varese ed ogni volta che dobbiamo transitare in qualche città con i suoi semafori che disperdono i vespisti (sembrano sincronizzati apposta), cerchiamo di prendercela un po’ più con comodo.
A parte le Vespe di qualcuno che hanno tirato un brutto scherzo non volendone sapere di viaggiare senza singhiozzare (cosa per cui si è dovuto optare per una quattro ruote), il resto del viaggio è andato liscio come l’oilo e alle 10.30 iniziava puntuale la visita per il nostro nutrito gruppo, parte del quale si è ritrovato direttamente ad Induno Olona.
Il birrificio è molto suggestivo perché è stato mantenuto nelle stesse condizioni estetiche dei primi del ‘900, epoca in cui venne costruito in pieno stile Liberty.
Naturalmente, gli impianti sono stati adeguati alle nuove normative, ma tutto nel rispetto della storicità della struttura. E’ eccezionale visitare la sala di cottura che sembra uscita dalla capsula del tempo, con i suoi “pentoloni” di rame luccicanti che immergono il visitatore in un’atmosfera da museo. E’ difficile, infatti, pensare che il tutto è ancora perfettamente funzionante ed utilizzato quotidianamente!
Le guide sono state bravissime nel dettagliarci sia la storia del fondatore e degli eredi della moglie che hanno portato avanti il marchio di famiglia, sia nello spiegarci per filo e per segno tutte le fasi di produzione delle birre Poretti. Tra l'altro, la birra Poretti è anche stata scelta da Expo come birra ufficiale.
Come ciliegina sulla torta il nostro giro si è concluso al pub fatto costruire nella villa Liberty che governa dall’alto lo stabilimento, immersa in 20000 mq di parco con piante provenienti da ogni dove.
Qui ognuno di noi ha potuto degustare le birre commercializzate da Carlsberg che sono una ventina, tutte con caratteristiche uniche ed eccezionali.
Quello che ha colpito tutti è stato, infatti, che queste birre, la maggioranza di produzione nazionale, sono buonissime e la riprova è stata il bagagliaio di qualcuno stracolmo di confezioni acquistate allo spaccio.
La visita si è protratta fin verso l’una. Da qui abbiamo fatto una capatina per il pranzo al sacco al lago di Ghirla, dove ci siamo un attimo rilassati anche se l’afa non voleva proprio dare tregua.  Per questo siamo ripartiti abbastanza presto e nel tardo pomeriggio eravamo già tutti a casa.
La gita è stata apprezzata da tutti e questo ci ha fatto molto piacere.
Speriamo perciò di ripetere un’esperienza simile (stiamo già valutando altre mete suggestive) possibilmente non appena il caldo ci darà un po’ di tregua in più!